Open      
motore di ricerca

Il Comune di Castel Maggiore assume la gestione di Villa Salina

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

Il Comune di Castel Maggiore assume la gestione di Villa Salina

notizia pubblicata in data : venerdì 20 dicembre 2019

 

Il Comune di Castel Maggiore assume la gestione di Villa Salina

La convenzione con la Regione Emilia – Romagna approvata dal Consiglio Comunale nella seduta del 18 dicembre

 

Il Consiglio Comunale ha approvato ieri la convenzione con la Regione Emilia - Romagna che sancisce il passaggio al Comune della gestione del complesso risalente al Cinquecento, sito in via Galliera a Primo Maggio, a titolo gratuito. La convenzione ha una durata di 20 anni, resta a carico del Comune la manutenzione ordinaria dello stabile e la verifica di conformità di impianti e strutture.

Il progetto del Comune prevede tre fasi per operare un pieno recupero della fruibilità della struttura e delle sue pertinenze, compreso il bellissimo parco che già oggi ospita importanti eventi culturali.

 

Proprio dal parco partirà la prima fase, con gli interventi necessari alla messa in sicurezza, in particolare la verifica della stabilità delle alberature, la sistemazione dell’illuminazione, la sistemazione dei percorsi pedonali: completato questo ciclo di interventi sarà possibile aprire il parco alla cittadinanza con modalità compatibili con l natura del complesso.

Nel parco saranno proposte iniziative culturali che potranno integrare e rafforzare i programmi già consolidati, in particolare il Festival CondiMenti, che hanno permesso di riscoprire questo importante elemento del patrimonio architettonico bolognese.

Le fasi successive riguarderanno il corpo centrale della Villa e poi gli edifici pertinenziali, con l’intento di insediare progressivamente attività pubbliche e private di interesse pubblico. Si pensa al “Fondo Cremonini”, costituito dagli studi e dai progetti dell’architetto Lorenzino Cremonini, che gli eredi hanno donato al Comune, ma il corpo centrale della Villa potrebbe ospitare anche ad attività espositive, convegnistiche, laboratoriali e di rappresentanza.

 

Il recupero complessivo della Villa è legato alla creazione di sinergie con soggetti privati che vi impiantino attività commerciali, compatibili con il contesto della Villa e che non ne precludano l’utilizzo pubblico, attraverso le quali ricavare fondi da reinvestire nel complesso per determinarne il recupero e l’utilizzo nel tempo: possono essere ipotizzate le tradizionali attività di ristorazione, accoglienza, formazione, ma non è da escludere la possibilità che la Villa possa accogliere spazi di co-working volti a favorire lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile o il decollo di start up innovative.

Il Comune dunque si assume la responsabilità di salvare un immobile che era stato messo sul mercato, non essendo prevista alcuna possibilità di utilizzazione per fini istituzionali regionali, e di restituirlo all’uso da parte della comunità locale, in una visione che vede la località di Primo Maggio, subito fuori Corticella, non più come periferia delle due aree urbane di Bologna e Castel Maggiore, ma semmai come cerniera tra aree della città metropolitana e luogo di rigenerazione urbana.

 

Villa Salina - Malpighi è un complesso risalente al Cinquecento, ubicato nel territorio di Castel Maggiore, in località Primo Maggio. Nel corso dei secoli fu di proprietà di Marcello Malpighi e successivamente della famiglia Simoni, del conte Seghizzi Gambalunga, del principe Marcantonio Hercolani e dal 1762 della famiglia Salina, fino a divenire proprietà della Regione Emilia Romagna.

Il complesso è costituito da un corpo centrale e due corpi laterali realizzati successivamente dai Salina (uno di essi ha ospitato in passato la Scuola di Giornalismo, nell'altro è presente una cappella sconsacrata), il tutto immerso in uno splendido parco secolare ricco di piante rare ed esemplari arborei di notevoli dimensioni.

 

Da alcuni anni il Comune di Castel Maggiore ha utilizzato la Villa, in accordo con la Regione Emilia Romagna, quale location per manifestazioni ed eventi culturali, in particolare il Festival di cibo e letteratura CondiMenti, che nelle due ultime edizioni tenutesi nel parco ha portato la conoscenza del complesso a migliaia di cittadini di Castel Maggiore e di tutta l’area metropolitana bolognese.

 

ultima modifica:  10/01/2020
Risultato
  • 3
(185 valutazioni)