Gruppo Consiliare Partito Democratico - Comune di Castel Maggiore

IL TUO COMUNE | Consiglio Comunale | Gruppo Consiliare Partito Democratico - Comune di Castel Maggiore

Pagina a cura del Gruppo Consiliare del Partito Democratico 


30/1/2021

Bilancio partecipativo: l’occasione per fare la differenza!

Per il secondo anno consecutivo il Comune di Castel Maggiore ha riservato una quota del proprio bilancio previsionale, pari ad € 10.000,00, alle proposte progettuali avanzate direttamente dalla popolazione, promuovendo e realizzando un percorso di bilancio partecipativo per dare vita alle idee dei cittadini.

Il bilancio partecipativo è infatti, come dice il termine stesso, una forma di partecipazione diretta alla vita politica della propria città. Consiste nell'assegnare una quota di bilancio dell'Ente locale ad uno o più progetti, che i cittadini selezionano all’interno di una rosa di proposte provenienti “dal basso”, venendo così messi in grado di interagire e dialogare con le scelte delle amministrazioni comunali.

È uno strumento estremamente fruttuoso se non indispensabile, perché per il suo tramite è possibile costruire un rapporto diretto tra cittadini e governance locale e favorire una reale apertura della macchina istituzionale alla partecipazione effettiva della popolazione, in modo da raggiungere risultati condivisi e verificati insieme alla cittadinanza.

Le proposte in “gara”, avanzate dalle varie Consulte tematiche e frazionali del nostro territorio, dalle associazioni di volontariato, dalla Direzione didattica ma anche da singoli cittadini, sono state nove: Ciclobus, Curi-amo il verde di via Irma Bandiera, Dare & ricevere... un circolo virtuoso, Domenica in piazza, Gioco del cigno ambientalista, Il paradiso di api e farfalle, L'isola che c'è, Mercatrebbo e Trebbo insieme (per maggiori info e dettagli sui progetti e i promotori https://bit.ly/36DRuQM).

Il percorso che ha condotto all’elaborazione del Bilancio Partecipativo 2021 è stato particolarmente complesso, a causa dell'emergenza sanitaria. Svolto in parte in presenza e in parte online, ha tuttavia suscitato attenzione e vero entusiasmo, con circa 200 persone che hanno partecipato agli incontri e oltre 1700 preferenze espresse nella fase di selezione. Il progetto vincitore del percorso è stato: "DOMENICA IN PIAZZA" con il 27% dei voti, ideato e organizzato dai giovani della Consulta.

Esso, in sintesi, consiste nella realizzazione di un programma di eventi per rivalutare e animare Piazza Amendola, in collaborazione con le associazioni, le consulte e le attività economiche del territorio, attraverso un calendario culturale ad alto coinvolgimento al fine di creare socialità e partecipazione. Gli eventi si svolgeranno una domenica al mese nel periodo primaverile-estivo: dalla proiezione di film, alla serata giochi, ai dibattiti, agli spettacoli, tutto accompagnato da cibo e musica, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e di contrasto alla diffusione del Covid-19 sulla base dell’evolversi della situazione.

Intanto, dopo l’inevitabile sospensione causata da questo terribile 2020, sono iniziati i lavori relativi al progetto vincitore dello scorso anno, “Fortinbike”. Il progetto prevede la realizzazione di un circuito ciclabile tipo “ciclocross”, con partenza dal Parco della Pace a Trebbo di Reno, e che salvo imprevisti sarà ultimato entro la primavera-estate 2021, a riprova della concretezza di questa meritevole iniziativa istituzionale.

Non possiamo, in conclusione, che essere orgogliosi della nostra comunità, sempre così attiva, attenta e solidale anche nel mezzo di una pandemia globale come quella che stiamo vivendo.

Gruppo consiliare Partito Democratico

Greta Ferroni, Stefania Bonvicini, Barbara Magli, Marco Monesi, Fabio Tartarini, Andrea Pareschi


15/12/2020

Le attività del consiglio, la partecipazione di tutti

Tra novembre e dicembre, il consiglio comunale è impegnato in una fase particolarmente intensa delle sue attività. Nella scorsa seduta abbiamo esaminato la relazione sull’anno scolastico 2019-20, variato il regolamento urbanistico edilizio (RUE) in linea con la legge regionale sull’uso del territorio, rivisto il programma delle opere pubbliche, aggiornato il regolamento interno del consiglio per migliorarne la funzionalità.

A dicembre sarà la volta del bilancio di previsione 2021-23, della nota di aggiornamento al documento unico di programmazione (DUP), del regime delle aliquote tributarie comunali, del piano triennale delle alienazioni immobiliari. In attesa di prendere in esame questi dossier, riteniamo utile fare il punto su alcuni aspetti discussi in questo spazio il mese scorso.

Innanzitutto, sono state distribuite ai cittadini oltre 8.000 copie del “bilancio POP”, strumento conoscitivo predisposto in collaborazione con il Dipartimento di Management dell’università di Torino. Il documento cerca di inquadrare in modo comprensibile le linee generali del bilancio comunale e, più in generale, i dati salienti sull’attività dell’amministrazione pubblica nei diversi ambiti. L’intenzione è consolidare lo strumento nei prossimi anni, incorporando pienamente riscontri sulla corrispondenza tra bisogni espressi dai cittadini e obiettivi raggiunti.

Prosegue in parallelo l’esperienza del “bilancio partecipativo”, che dà l’opportunità di proporre progetti da realizzare – previa selezione tramite consultazione pubblica – a carico delle casse comunali. Dopo una fase di discussione delle problematiche e di sostegno alla predisposizione dei progetti in seno alle consulte, sono state raccolte le proposte dei cittadini. Anche per il 2021 sono stati stanziati 10.000€, con l’auspicio di ampliare negli anni il ricorso a questa possibilità di partecipazione diretta, al contempo individuale e condivisa.

Circa la discarica ASA, sentiamo forte la necessità di esprimere un parere autorevole (benché abbia valore consultivo) nei confronti del decisore regionale. Come maggioranza abbiamo avviato un vaglio critico – alla luce dei dati disponibili circa la filiera dei rifiuti speciali in Regione, anche se in mancanza di una pianificazione regionale – delle asserzioni avanzate dai diversi portatori d’interesse nelle riunioni della Seconda commissione. Nostro intento è procedere, pur favorendo una transizione graduale ed economicamente sostenibile, verso una riconversione all’economia circolare.

Andrea Pareschi - Capogruppo del Partito Democratico
andrea.pareschi@comune.castel-maggiore.bo.it
info@pdcastelmaggiore.org


3/11/2020

Le implicazioni del Covid e le nostre attività

L’aumento dei contagi da Covid-19 ci costringe a fare nuovamente i conti con l’incertezza, sanitaria ma anche economica e sociale. Il rischio preponderante di fronte alla seconda ondata in corso è, ancora una volta, la saturazione dei posti di terapia intensiva. Chi governa è chiamato a individuare i canali primari di diffusione del virus, per porre rimedio nel modo più mirato possibile. Nel frattempo, la prudenza nei comportamenti individuali è d’obbligo per tutti noi.

È per lo meno elemento di incoraggiamento che un team del Dipartimento di Management dell’Università di Torino – nel valutare con metodologia scientifica le condizioni di vita nel nostro Comune in rapporto agli sconvolgimenti causati dalla pandemia – abbia assegnato un rating di livello “AA” alle politiche di riduzione del danno da Covid-19 in vari settori.

Questo riconoscimento, che ci aiuta a fare il punto sulle fragilità residue per i tempi a venire, ha luogo nell’ambito di una collaborazione instaurata con l’ateneo torinese che prevede lo sviluppo del “bilancio POP”: uno strumento per esprimere in modo chiaro e accessibile le capacità del bilancio comunale di fornire servizi alla popolazione. L’attenzione alle proposte e all’impulso provenienti dai cittadini è del resto testimoniata dall’avvio degli incontri legati al “bilancio partecipativo” per l’anno 2021.

Quanto alle recenti attività del consiglio comunale, segnaliamo in particolare un’attività di riforma del regolamento che ci permetterà di fare buon viso a cattivo gioco di fronte all’emergenza pandemica, assimilando le “buone pratiche” sperimentate nelle riunioni a distanza degli ultimi mesi pur nella consapevolezza che le attività consiliari sono di norma svolte al meglio in presenza.

Un chiarimento obbligato riguarda infine la vicenda della discarica gestita da ASA. L’ultima parola in proposito spetta alla Regione, non al Comune, che tuttavia deve esprimere un parere all’interno di un procedimento valutativo in corso. Lo faremo, senza reticenze, dopo aver maturato una posizione ragionata al termine di una serie di approfondimenti sanitari e ambientali (richiesti ad ASL e ARPAE) e di un percorso conoscitivo che la Seconda commissione consiliare sta conducendo tramite appositi incontri con soggetti fra cui ASA, Legambiente e Hera.

Andrea Pareschi

Capogruppo del Partito Democratico

andrea.pareschi@comune.castel-maggiore.bo.it

info@pdcastelmaggiore.org

Facebook: Partito Democratico Castel Maggiore

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il