Risparmio energetico - Comune di Castel Maggiore

archivio notizie - Comune di Castel Maggiore

Risparmio energetico

 
Risparmio energetico

Risparmio energetico: idee e provvedimenti

Aumento dei costi ed emergenza ambientale richiedono misure non più procrastinabili

 

Lo spropositato consumo delle energie fossili sta contribuendo drammaticamente all’alterazione delle condizioni ambientali con il conseguente verificarsi di eventi atmosferici estremi che creano situazioni di grave pericolo per la popolazione; a questo si somma il fatto che il costo dell’energia ha subito un aumento esponenziale nell’ultimo anno e mezzo, aggravato dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, causando gravi problemi economici ed energetici.

In questo contesto la giunta comunale ha approvato le “Linee di azione per contenere i consumi energetici e contrastare i cambiamenti climatici 2022 – 2023” (Deliberazione n. 140 del 28 ottobre 2022).


RIDUZIONE PERIODO UTILIZZO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Il Piano nazionale per il contenimento dei consumi 2022 del Ministero Transizione ecologica riduce il periodo di accensione degli impianti termici di 15 giorni (posticipando di 8 giorni la data di inizio e anticipando di 7 giorni la data di fine esercizio) e di 1 ora per quanto attiene la durata giornaliera, ad eccezione delle strutture citate dall’accordo (asilo nido, edifici che ospitano soggetti fragili ecc). Inoltre, la Sindaca di Castel Maggiore, anche in virtù delle temperature sensibilmente sopra la media stagionale, ha disposto lo slittamento del periodo di accensione dal 22 ottobre al 7 novembre, salvo ulteriori proroghe.

Quindi a Castel Maggiore (zona climatica E) accensione del riscaldamento dal 7 novembre 2022 al 7 aprile 2023 e Temperatura massima in casa 19°, in fabbrica 17°, max 13 ore al giorno. Sono esclusi dalla disposizione: ospedali, cliniche o case di cura, strutture protette e altri servizi sociali pubblici; scuole materne e asili nido; edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali nei casi legati ad esigenze tecnologiche o di produzione; piscine e saune.

Risparmio energetico PRESUNTO per le strutture pubbliche: 5 - 10% per riscaldamento

Un ampio grado di libertà degli utenti può essere applicato a questa limitazione, ricordando che:

  • ogni grado in più si traduce in un aumento del combustibile che va dal 5 al 10% annuo;
  • la temperatura dell’ambiente sale di circa 1- 2° dopo mezz’ora di permanenza in un ambiente, consentendo di settare la temperatura interna al di sotto dei limiti di normativa.

GIORNATA DI SMART WORKING PER I DIPENDENTI COMUNALI

La programmazione di una giornata a settimana di lavoro agile il lunedì. in continuità con il fine settimana, mantenendo attivi i servizi essenziali, consente di non dovere riscaldare tutti i locali della sede municipale, conseguendo risparmi energetici sia di gas che elettrici. Il lavoro agile porta con sé anche la riduzione degli spostamenti, con una conseguente riduzione delle emissioni date dai trasporti privati.
La misura non riguarda l'URP, lo Sportello Sociale e Scolastico e la Polizia Locale.

Risparmio energetico presunto: 3 - 5% per riscaldamento della sede comunale, oltre alla riduzione di consumi privati ed emissioni per i trasporti quantificabile in un 20% su base settimanale.

L’amministrazione si impegna anche a ridurre i momenti d’incontro in presenza per le attività che possono esser svolte con TECNOLOGIE PER INCONTRI DA REMOTO (riunioni, incontri ecc); questo andrà ad implementare i risultati raggiunti con il lavoro agile.

Inoltre l’Amministrazione Comunale ha individuato le SALE COMUNALI più energivore. Questa analisi consentirà di programmare in modo cosciente e sostenibile le attività quali convegni, eventi e incontri di vario genere, localizzandole nelle sale più energeticamente efficienti che, quindi, necessitano di meno energia per la loro messa in servizio.


PROGRAMMAZIONE ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Il Comune, tramite l’adozione di sistemi di temporizzazione più flessibili ed efficaci e l’orientamento razionale dei fasci luminosi dei corpi illuminanti, andrà a programmare, in modo efficiente e sostenibile, l’illuminazione di parchi, strade e percorsi ciclopedonali, sempre nel rispetto della sicurezza del traffico veicolare e del cittadino.

Risparmio energetico presunto: 10% per illuminazione pubblica


SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO D’INTESA CON LE DIRIGENZE SCOLASTICHE

L’impegno a sottoscrivere un protocollo di intesa con le dirigenze scolastiche ha l’obbiettivo di mettere in atto una serie di comportamenti che permetteranno risparmio energetico (programmazione consapevole dei servizi extrascolastici, monitoraggio della qualità dell’aria tramite un sistema strumentale per razionalizzare la ventilazione degli ambienti, utilizzo consapevole degli apparecchi di lavoro abilitando le funzioni di “risparmio energia”, uso consapevole dei materiali (carta e stampanti), limitazione dell’utilizzo dell’uso dell’ascensore, razionalizzazione dell’illuminazione artificiale).

Risparmio energetico presunto: 5% per riscaldamento sedi scolastiche


IL DECALOGO

Inoltre, grazie alla collaborazione con il gruppo “Castel Migliore” è stato predisposto un decalogo di azioni da mettere in atto per contenere i consumi e contrastare i cambiamenti climatici - scarica il decalogo.

 

Inoltre segnaliamo:

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (146 valutazioni)